Come capire se un bambino è intollerante al latte vaccino

L'intolleranza al latte vaccino, e più precisamente al lattosio, colpisce un gran numero di persone in tutto il mondo. Questa intolleranza compare più spesso in età adulta, quando il nostro organismo produce meno lattasi. Non va confusa con la più rara allergia al latte vaccino, che può colpire i neonati prima di scomparire naturalmente verso i 3 o 4 anni. Tuttavia, i sintomi sono difficili da capire, il che rende ancora più difficile la diagnosi.

Come si fa a sapere se un bambino è intollerante o allergico al latte vaccino e cosa fare? Ecco alcune risposte.

 

Intolleranza al lattosio

 

L'intolleranza al lattosio è l'incapacità del nostro organismo di digerire il lattosio. zucchero complesso contenuto nel latte. Per poter assimilare lattosioQuesto avviene grazie a un enzima chiamato lattasi. Tuttavia, con l'avanzare dell'età, la maggior parte degli esseri umani produce meno lattasi. Di conseguenza, la digestione di qualsiasi alimento o pietanza contenente lattosio diventa più difficile. L'intolleranza al lattosio è maggioritaria in tutto il mondo: 75 % della popolazione mondiale è intollerante al lattosio! I segni di intolleranza sono più evidenti in età adulta. I neonati producono una quantità di lattasi sufficiente per assimilare il latte (materno o vaccino) fino allo svezzamento. Con l'avanzare dell'età, la produzione di questo enzima diminuisce, raggiungendo gradualmente un livello residuo.

Tuttavia, alcuni bambini non riescono a digerire il latte: questo può essere un segno di allergia o intolleranza.

 

Un bambino può essere intollerante o allergico al latte vaccino?

 

Il latte vaccino viene spesso utilizzato nella dieta dei neonati, soprattutto quando la madre non vuole o non può allattare al seno. Questo tipo di latte può contenere proteine che il bambino non assimila. In questo caso, il sistema immunitario del bambino, ancora immaturo, le rifiuta perché le ritiene dannose. Si tratta della cosiddetta allergia alle proteine del latte, nota anche come MVPA. Questa allergia alimentare compare più spesso nei primi mesi di vita e in genere scompare verso i 3 o 4 anni.

È importante non confondere l'allergia con l'intolleranza. Nel caso dell'allergia, le proteine del latte vaccino provocano una risposta infiammatoria con produzione di anticorpi: l'organismo reagisce a un allergene producendo la cosiddetta immunoglobulina E. L'allergia al latte viene quindi definita IgE-dipendente.

In caso di intolleranza, il lattante non produce immunoglobuline E: si parla di intolleranza al latte non-LgE dipendente.

Esistono quindi due meccanismi diversi. La patologia più comune è l'intolleranza al lattosio. In entrambi i casi, tuttavia, è importante reagire, perché una CMPA può influire sulla crescita e sulla mineralizzazione ossea del bambino, in quanto i nutrienti non vengono assorbiti correttamente.

 

Quali sono i sintomi di un'allergia al latte vaccino?

 

I sintomi dell'allergia possono comparire entro un'ora dall'assunzione di un biberon contenente latte vaccino. Il bambino può soffrire di diarrea, mal di pancia, coliche, gas, reflusso, costipazione, nausea o vomito. Le feci del bambino possono contenere sangue e può anche presentare un'eruzione cutanea e labbra gonfie. In alcuni casi, il bambino ansima e ha difficoltà a respirare correttamente. Un bambino che non tollera il latte vaccino può rifiutarsi di prendere il biberon, può piangere senza motivo e diventare irritabile per tutto il giorno. È importante reagire, indipendentemente dai sintomi. Se il bambino è allergico al latte vaccino, i sintomi possono arrivare fino all'angioedema e, nei casi più gravi, all'anafilassi.

Nel caso dell'intolleranza al lattosio, i sintomi sono più esclusivamente digestivi.

Le manifestazioni di cui sopra possono variare notevolmente da un bambino all'altro e le reazioni possono essere immediate o ritardate.

 

Come viene diagnosticata un'intolleranza o un'allergia al latte nei bambini?

 

Come avrete capito, i sintomi sono molti e possono variare da un bambino all'altro ed essere assimilati ad altre patologie. La diagnosi di intolleranza o allergia al latte è quindi complessa da stabilire.

 

Il medico inizierà con un interrogatorio che gli permetterà di capire l'alimentazione del bambino, le varie storie familiari, il comportamento del bambino e la comparsa dei vari sintomi. Eseguirà inoltre un esame clinico.

Esistono anche diversi test per diagnosticare la CMPA.

Per la CMPA lgE-dipendente, i medici possono suggerire un prick test cutaneo con latte vaccino. Si tratta di un test cutaneo che fornisce risultati entro 10-20 minuti. Se il test è positivo, la pelle presenta un piccolo brufolo (papula). Il medico può anche consigliare un esame del sangue per la ricerca di IgE specifiche.

 

Per stabilire l'intolleranza al lattosio, il medico può consigliare un breath test, che verrà effettuato in ospedale. Per una diagnosi definitiva, il medico può anche consigliare un test di eliminazione, eliminando il latte dalla dieta del bambino.

 

Quali sono le soluzioni all'intolleranza o all'allergia del bambino al latte vaccino?

 

Se viene diagnosticata la CMPA, il medico raccomanderà di evitare rigorosamente le proteine del latte nella dieta del bambino. Prescriverà anche latti specifici contenenti, ad esempio, un idrolato di proteine estensive o preparati di proteine del latte di soia (solo dopo i 6 mesi). Esistono anche latti ipoallergenici che vengono prescritti come misura preventiva durante i primi 6 mesi di vita del bambino.

Immagine che reindirizza alla scheda prodotto di lactorélance 1day pack e del dispensatore di pillole 9000

Lattoleranza - da ,
4.5/ 5

Il tuo carrello

Il carrello è vuoto.