Come conoscere le intolleranze alimentari.

Nella vita di tutti i giorni possiamo avvertire una vasta gamma di sintomi, disagi o malesseri di cui è difficile individuare l'origine. Emicrania, mal di stomaco, difficoltà di digestione: l'elenco dei sintomi può essere vario, variare da una persona all'altra e soprattutto manifestarsi in modo diverso a seconda degli alimenti che mangiamo.

 

E se tutti questi disturbi quotidiani fossero semplicemente dovuti a un'intolleranza alimentare? Negli ultimi anni abbiamo sentito parlare molto di intolleranza al glutine e al lattosio, per esempio. Come si fa a sapere se i propri disturbi sono segni di intolleranza? Come si può intervenire sugli alimenti che causano i sintomi? Scopritelo in questo articolo.

 

 

Qual è la differenza tra allergia e intolleranza?

 

Prima di determinare le cause dei vostri disturbi quotidiani, è importante conoscere la differenza tra allergia e intolleranza.

 

Molti di noi conoscono persone allergiche alle arachidi: queste persone semplicemente non possono consumare prodotti che le contengono, altrimenti potrebbero sviluppare gravi reazioni cutanee. Nel caso di una persona allergica, è il sistema immunitario a entrare in gioco. Quando il corpo entra in contatto con un alimento, sviluppa la cosiddetta reazione. Questo avviene perché il corpo reagisce all'alimento respingendo le proteine allergeniche. In generale, i sintomi di un'allergia si manifestano rapidamente: possono interessare la pelle, le vie respiratorie o il tratto gastrointestinale. D'altra parte, nel caso di un'allergia alimentare, quantità molto piccole di allergeni possono scatenare una reazione.

 

Si noti che i bambini sono più spesso allergici al latte vaccino, alla soia e alle noci, mentre gli adulti hanno maggiori probabilità di essere allergici al pesce, ai frutti di mare e alle noci.

Nel caso di un'intolleranza, sono gli enzimi e le proteine che scarseggiano nel nostro organismo a causare i sintomi. Nella maggior parte dei casi, i sintomi di un'intolleranza sono intestinali e la reazione richiede più tempo per manifestarsi. Le intolleranze più comuni sono l'intolleranza all'istamina, al lattosio, al fruttosio e al sorbitolo.

 

Come viene diagnosticata un'allergia alimentare?

 

Quando si soffre di un'allergia alimentare, l'organismo produce grandi quantità di anticorpi lgE che respingono gli allergeni.

Un esame del sangue o un test cutaneo possono indicare se l'organismo è sensibilizzato a determinati alimenti. Tuttavia, è consigliabile effettuare un controllo incrociato con uno specialista in grado di individuare con sicurezza i diversi alimenti che possono scatenare una reazione allergica. Non cercate di autodiagnosticarvi escludendo alcuni alimenti dalla vostra dieta, perché questo potrebbe portare a delle carenze. La cosa migliore da fare è sempre consultare un professionista della salute.

 

Quali sono le principali intolleranze alimentari?

 

Tra le intolleranze alimentari più comuni c'è quella al lattosio. Questa è causata da una carenza dell'enzima lattasi nell'organismo.

 

Un altro esempio è l'intolleranza ai FODMAP: l'organismo ha difficoltà a digerire gli alimenti ricchi di zuccheri complessi come i frutto-oligosaccaridi (FOS) o i galatto-oligosaccaridi (GOS). Nel caso di questa intolleranza, gli individui hanno difficoltà a digerire fagioli secchi, cipolle, cavoli, ceci o topinambur.

 

L'intolleranza più frequentemente citata è anche quella all'istamina. L'istamina è una sostanza presente in alcuni pesci che in alcune persone può causare sudorazione, vampate di calore, vertigini o palpitazioni. L'insorgenza di questi sintomi può essere semplicemente dovuta a una cattiva conservazione del pesce. Tuttavia, se questi sintomi sono frequenti, la persona è intollerante perché il suo organismo non produce una quantità sufficiente di diammina ossidasi, una sostanza responsabile dell'eliminazione dell'istamina.

 

Come si fa a sapere se si è intolleranti a un alimento?

 

Per stabilire se si è intolleranti a un particolare alimento, è importante innanzitutto analizzare il proprio menu e rivedere i diversi cibi che si è soliti mangiare. Prestate inoltre attenzione ai diversi sintomi che avvertite dopo i pasti.

 

Nel caso dell'intolleranza al lattosio, si può iniziare effettuando un test di sfratto: per tre giorni si eliminano i latticini dalla dieta e si nota se il benessere digestivo migliora. Se i sintomi ricompaiono quando si mangiano di nuovo prodotti contenenti lattosio, è molto probabile che si sia intolleranti. In questo caso, potete chiedere al vostro medico di sottoporvi a un test respiratorio in ospedale.

 

L'intolleranza ai FODMAP può essere diagnosticata con un'interrogazione o con un test del respiro al glucosio o al lattulosio. Se l'idrogeno espirato aumenta rapidamente, il test è positivo.

 

Per valutare l'intolleranza all'istamina, il medico può prescrivere un test della diammina ossidasi. Questa intolleranza può essere trattata con la somministrazione di diammina ossidasi artificiale.

 

Che dire dell'intolleranza al glutine? Negli ultimi anni abbiamo sentito parlare molto di questa intolleranza. Tuttavia, colpisce solo lo 0,5% della popolazione! Scientificamente, questa intolleranza è legata alla celiachia e può essere caratterizzata da anemia, problemi digestivi, disturbi del sonno, perdita di capelli e afte. Per diagnosticare l'intolleranza al glutine, si può richiedere al medico un test biologico che misuri le IgA anti-transglutaminasi e le IgA sieriche. La diagnosi può essere confermata da una fibroscopia e da una biopsia.

 

Chiedere l'aiuto di un professionista per determinare le proprie intolleranze

 

Molte persone sono tentate di bandire alcuni alimenti dal loro menu per sbarazzarsi di alcuni sintomi senza consultare un medico.

 

Nel caso dell'intolleranza al glutine, il riflesso può essere quello di escludere completamente il grano dalla dieta senza nemmeno consultare un medico. Il risultato è che si può incorrere in carenze, soprattutto di fibre.

 

Tuttavia, un medico specialista sarà in grado di aiutarvi a determinare il vostro grado di intolleranza in modo da poter adattare la vostra dieta. Per esempio, in caso di intolleranza al lattosio, si possono consumare piccole quantità dialimenti contenenti lattosiosenza che si manifesti alcun sintomo! Evitate quindi di sottoporvi a diete troppo drastiche senza il parere del medico e non esitate a sottoporvi a test con professionisti della salute.

Immagine che reindirizza alla scheda prodotto di lactorélance 1day pack e del dispensatore di pillole 9000

Lattoleranza - da ,
4.5/ 5

Il tuo carrello

Il carrello è vuoto.

I biscotti

Grazie ai cookie, potrete godere di una migliore esperienza sul nostro sito. Li utilizziamo a fini statistici, analitici e pubblicitari.

Per saperne di più

Cookie analitici

Questi cookie ci permettono di effettuare analisi statistiche e di migliorare il nostro sito.

Cookie di marketing

I cookie di marketing di terze parti ci permettono di offrirvi un'esperienza sempre più ottimizzata con l'aiuto dei nostri partner.

Biscotti essenziali

Questi cookie sono necessari per il funzionamento del sito, per la vostra esperienza di acquisto e per il vostro account cliente.